I ragazzi del carcere mettono in scena la stupidità con molta intelligenza

BolognaNotizie.com 02/12/09

Il teatro del Pratello quest’anno presenta “Il fascino indiscreto della stupidità”, uno spettacolo che gioca sul sottile confine tra stupidità e intelligenza, dove i libri sono mangiati, cotti e strappati.

Si entra nello spazio teatrale e lo spettatore si ritrova in una specie di gabbia, circondate da sbarre su tre lati, subito al buio, oltre la quale ci sono dei gradoni di legno chiaro riempiti di libri, e in cima ai gradoni uno spazio nascosto alla vista con probabilmente un materasso perché li sopra per tutto lo spettacolo i giovani attori si lanciano a faccia in giù, a pancia in avanti, o da sopra un tubo che attraversa il soffitto. Sui riquadri della gabbia, si arrampicano gli attori e da lassù urlano o sussurrano i loro pezzi dissacranti: “Ma si possono mangiare sul serio i libri?”, “Certo!“: fritti, bolliti, al forno, o spalmati di nutella! Sullo sfondo passano dei video con libri che si sfogliano, pagine che volano, e per colonna sonora molta musica da pianoforte (Gnossienne n.1 di Satie passa due volte).

Continua su BolognaNotizie.com

Annunci

Informazioni su vaeva

1982, Bologna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: