Yalo – Elias Khuri

Lo Scirocco, febbraio 2010

Ci sono molti motivi che fanno di Yalo un libro davvero bello (intenso, poetico e drammatico), ma lo stile, più della storia, irretisce il lettore. Yalo, un giovane libanese, è in carcere perché la ragazza che ama, e che ha presumibilmente violentato, lo ha denunciato alla polizia, dopo un anno, o forse tre mesi, di storia d’amore, o di persecuzione. È appena l’inizio, e si è già dentro una fitta nebbia di contraddizioni. Si va avanti nel racconto tra i ricordi di Yalo, le accuse della polizia, le parole di Chirine, l’amata. E un po’ per volta si riempiono i buchi della storia, ma se ne aprono mille altre. Come la vita del nonno di Yalo, il cohno Efrem, che a tre anni è scampato a un genocidio che nessuno ricorda, quello degli assiri-siriaci, parallelo a quello degli armeni, ma riconosciuto da nessuno. La storia della madre, Gaby, ossessionata dallo specchio che non riflette il suo viso. E poi le rapine e gli stupri nel bosco, che Yalo ha compiuto nelle notti libanesi con l’inseparabile cappotto nero, una pila e un kalashnikov. In un dolorosissimo crescendo di torture nelle carceri di Beirut, Yalo confessa la sua vita, le sue colpe, vere o presunte, in un ripetersi di versioni della stessa storia, sempre uguale e sempre diversa, con un moltiplicarsi di dettagli e sfumature. Come se il testo fosse una poesia dalle infinite anafore.

Elias Khuri, Yalo, Einaudi, 2009 (euro 15,00)

Elias Khuri (Beirut, 1948) è un dei maggiori scrittori libanesi, romanziere, saggista e giornalista. Attivista per il popolo palestinese su cui ha scritto il romanzo La porta del Sole (Einaudi, 2004).

Annunci

Informazioni su vaeva

1982, Bologna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: