Quando verrà la rivoluzione avremo tutti lo skateboard – Said Sayrafiezadeh

Lo Scirocco, aprile 2010

Essere figlio di comunisti con il padre iraniano negli Stati Uniti tra anni Sessanta e Settanta (piena Guerra Fredda e crisi diplomatica con l’Iran) è a dir poco impegnativo, soprattutto chiamandosi Sayrafiezadeh. E infatti Said sogna il cognome della madre, un semplice Harris (che a sua volta sostituiva un cognome troppo ebraico), in particolare dopo che il padre li aveva lasciati. Mentre i fratelli vanno a vivere con lui, Said resta con la madre, tra riunioni di partito, banchetti contro l’imperialismo, boicottaggio dell’uva a favore dei braccianti, mangiando yogurt cracker e carote (mentre gli amici si ingozzano di biscotti e merendine). Tutto aspettando la rivoluzione socialista, imminente. L’impegno politico di entrambi i genitori mette sempre il piccolo Said in secondo piano, solo, ad aspettare prima una poi l’altro.

Con uno stile semplice, asciutto, i momenti più intensi sono quelli in cui il “piccolo rivoluzionario” si scontra con compagni di classe bianchi e ricchi durante la crisi degli ostaggi (quando 52 addetti dell’ambasciata statunitense furono sequestrati per più di un anno). E il suo perenne altalenare tra l’imbarazzo e l’orgoglio per le sue radici iraniane, soprattutto quando il padre torna in Iran e si candida alle elezioni del 1979. Said Sayrafiezadeh racconta una storia spesso drammatica, senza scivolare in vittimismi o autocommiserazioni.

Said Sayrafiezadeh, Quando verrà la rivoluzione avremo tutti lo skateboard, nottetempo, 2010 (euro 18)

Said Sayrafiezadeh (New York, 1968), figlio di padre iraniano e madre ebrea, è uno scrittore statunitense. Quando verrà la rivoluzione avremo tutti lo skateboard, suo primo romanzo, è autobiografico.

Annunci

Informazioni su vaeva

1982, Bologna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: