Il fotografo – Emmanuel Guibert, Didier Lefèvre, Frédéric Lemercier

Lo Scirocco, agosto 2010

Il fotografo è la storia di un viaggio in Afghanistan: nel luglio 1986, Didier Lefèvre parte da Parigi destinazione Pachistan, per attraversare il confine con l’Afghanistan di notte, nascosto sotto un burka. L’obiettivo del viaggio, con il personale di Medici senza frontiere, è fare un reportage dell’interno del paese, stretto tra l’invasione russa e la resistenza dei mujaheddin. Il racconto di Didier è a tratti drammatico, divertente alle volte, spesso spaventoso. Nel terrore degli elicotteri sovietici, del tragico freddo delle vette altissime, della fame. Un viaggio dove ha scattato 4.000 foto, per vederne pubblicate, e con orgoglio, sei. A un anno dal ritorno in patria, per il rotto della cuffia, Didier ha perso 14 denti e sofferto di foruncolosi cronica, dirette conseguenze della malnutrizione e dello stress del viaggio, per poi morire di infarto a 49 anni nel 2007.

Questo grande lavoro di graphic journalism mixa le foto di Didier in bianco e nero con i fumetti di Emmanuel Guibert, che ha raccolto l’esperienza dell’amico. Alcune immagini sono molto forti, altre semplicemente bellissime: bambini dal volto straziato dalle bombe, uomini e donne mutilati, ragazzini armati, paesaggi incredibili e ritratti di grande intensità. Uno spaccato della vita afghana rurale, con i suoi usi e costumi, di allora e forse, dopo 20 anni di guerra, anche di oggi.

Emmanuel Guibert, Didier Lefèvre, Frédéric Lemercier, Il fotografo, Coconino Press, 2010 (euro 29,00)

Didier Lefèvre (1957-2007), fotoreporter, ha lavorato in Afghanistan, e in Kosovo, Malawi e Cambogia. Emmanuel Guibert (1964) è autore e disegnatore di fumetti, ha scritto anche La guerra di Alan.

Annunci

Informazioni su vaeva

1982, Bologna

  1. Pingback: Volevo raccontare il mio Festival di Internazionale a Ferrara « Gli Appunti del Paz83

  2. Appena un paio d’ore fa ho finito di leggere quest’opera (definirla semplicemente libro, pur essendo un’amante dei libri!, lo trovo un po’ riduttivo). Davvero stupenda! Per l’armonia che gli autori hanno saputo trovare tra le diverse forme narrative e per ciò che racconta… Lascia il segno!

  3. Victor, sorry but i am a little puzzled now…on
    a few articles or blog posts right here you trash speaking steroids, and within this post you
    assistance and advocate a random tiny chemical roid tablet.
    ..Why is that? So does that mea, no much more thoroughly clean
    instruction for you?
    That’s unhappy result in i in fact found it really nice, that ultimately i felt like i identified a accurate non bullshit steroids site 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: